Tutto può cambiare, la recensione

“E’ questo che amo della musica, che una scena qualunque di colpo sia avvolta di significato, capisci?Tutte queste banalità, di colpo si trasformano in queste bellissime ed effervescenti perle. Grazie alla musica.”

 In un locale di New York, il chitarrista e cantante Steve cerca di convincere la sua amica Gretta a salire sul palco e cantare una sua canzone, nonostante la ragazza appaia molto restia. Una volta convinta, Gretta inizia la sua performance, che però non riesce a coinvolgere il pubblico, che ben presto finisce quasi per sovrastare la sua voce con le loro chiacchere. L’unico a provare un vero interesse è Dan Mulligan.

L’inizio è in media res, ma dopo pochi minuti ci viene svelato che Dan è  un ex dirigente di una casa discografica indipendente, incapace di accettare l’idea che il mercato musicale attuale è cambiato mentre la sua idea di musica è ormai superata, tanto da costringere il suo socio a licenziarlo.

la_ca_0411_begin_again

Gretta, invece,  esce da una storia completamente diversa. Fidanzata dai tempi del liceo con Dave Kohl, entrambi cantautori, si trasferiscono a New York, dove il ragazzo ha ricevuto un’incredibile offerta da un colosso dell’industria musicale. Ma diventare una celebrità ha il suo prezzo e le sue debolezze, e ben presto i rapporti tra loro si incrinano in maniera irreparabile.

Dan viene colpito dalla canzone di Gretta e immediatamente comprende il talento musicale che nasconde, ma la ragazza è incerta all’inizio, avendo infatti ormai deciso di tornare a casa, ma questa proposta è troppo allettante per essere rifiutata senza nemmeno provarci.

Tutto-può-cambiare-02

Inizia, dunque, la poliedrica esperienza di Dan e Gretta, che si trovano a produrre un intero album senza risorse economiche, ma sfruttando l’incredibile versatilità della città di New York, ingaggiando a titolo gratuito altri musicisti di talento, ma non ancora affermati.

Nonostante Gretta avesse deciso di rinunciare alla musica, a causa della rottura con Dave, scoprirà invece, quanta gioia e appagamento personale possa darle il cantare e incidere i suoi lavori.

“Tutto può cambiare” è una trascinante commedia, priva di banalità, che ci guida nel mondo della musica, seguendo strade meno battute, lontane dal successo mediatico di larga scala e dagli eccessi.

Keira Knightley and Mark Ruffalo in "Begin Again"

Da una parte abbiamo Dan,che sta attraversando un periodo difficile della sua vita, sia a livello familiare, con un matrimonio un pezzi e una figlia con cui non riesce a comunicare, sia a livello lavorativo, avendo perso la sua casa discografica.  Dall’altra parte abbiamo Gretta, musicista sul punto di mollare la sua passione e tornare a casa. Una coppia improbabile, dunque, che nasce da un mix di ispirazione e disperazione; un rapporto che da partnership musicale diventa una profonda amicizia che trasforma completamente la loro vita.

A rendere il film godibile e trascinante  sono senza dubbio le interpretazione di Mark Ruffalo, nei panni di Dan Mullligan, e di Keira Knightly, nel ruolo di Gretta. Due personalità agli antipodi, che riescono però a trovare un punto di fusione, grazie al loro reciproco amore per la musica.  Mark riesce a trascinare lo spettatore attraverso una passione e un fervore scalpitante, mentre Keira, con la dolcezza e pacatezza, ci fa innamorare delle canzoni che lei stessa interpreta.

SONG 00792.nef

Da notare anche Adam Levine, nel ruolo di Dave Kohl, alla sua prima esperienza recitativa che riesce a superare brillantemente, anche grazie alle sue interpretazioni musicali, che accompagnano tutto il film.

Un’opera cinematografica, dunque, che felicemente rinuncia alla banalità dell’happy ending a tutti i costi e  tutti i livelli, mantenendo sempre una buona qualità, sia a livello recitativo che di storyboard.

Se amate la buona musica e le storie british, naturalizzate in America, non potete lasciarvelo scappare.

 

Tutto può cambiare” è un film prodotto da John Carney. Il cast è composto da Mark Ruffalo, Keira Knightly e Adam Levine; nelle sale il 16 Ottobre 2014.

The following two tabs change content below.

Ottavia Tonsi

Laureata in Comunicazione Interculturale con una fervida passione per tutto ciò che è made UK e made Japan. Neo recensore su The Voice Over.

Ultimi post di Ottavia Tonsi (vedi tutti)

Rispondi